Teatro Romano Aosta

Génération baroque

Gli Astrologi Immaginari

Tu sei qui

Opera buffa di Giovanni Paisiello

Gli Astrologi Immaginari

L’opera – come richiesto alla Corte di Caterina II – è breve (1 ora e 30!) e divertente. Essa fu riproposta successivamente a Mosca, Vienna, Napoli, Parigi – nella versione francese ampliata, talvolta con il titolo differente I Filosofi immaginari. Haydn la diresse 33 volte a Esterhaza, un successo che supera quello delle sue opere buffe e ne testimonia la qualità e il fascino.
Il libretto, del tutto esilarante, tratta alcuni temi chiave: quello della idea fissa molto comune in Paisiello (vedi in particolare Socrate Immaginario del 1775 e Lo Sposo burlato del 1778), il conflitto generazionale e, naturalmente, il sotterfugio immancabile del travestimento.
Con brevi melodie, in pratica senza vocalizzi, due begli assiemi di dieci minuti ciascuno che concludono idue atti e qualche coro assai breve, il lavoro è notevole per la sua concentrazione e concisione e annuncia per diversi aspetti Il Barbiere di Siviglia portato a compimento tre anni dopo.
Petronio è appassionato fino all’ossessione di astronomia e filosofia. Decide dunque di dare in sposa le figlie Clarice e Cassandra a degli studiosi e respinge pertanto Giuliano, innamorato di Clarice. A differenza di Clarice, una ragazza semplice, sua sorella maggiore Cassandra è appassionata di filosofia. Per conquistare Clarice, Giuliano si traveste da centenario filosofo greco. Il filosofo afferma di essere in grado di ringiovanire grazie a un elisir. Pensa anche di poter curare Clarice della sua ignoranza, e così Petronio gli affida entusiasticamente sua figlia firmando un documento, in realtà un atto di matrimonio, senza averlo nemmeno letto. Nel frattempo l’elisir funziona, il filosofo ringiovanisce e si trasforma in Giuliano con grande disperazione di Petronio che si rende conto di essere stato ingannato.

Biglietti ingresso
Posto unico non numerato 10.00€ Importo prevendita: 1.50€

Gli astrologi immaginari - Orchestra

  • Viola
    Maxwell Alemán

  • Violino
    Aleksandra Brzóskowska

  • Violino
    Tiphaine Hervouet

  • Violoncello
    Matylda Adamus

  • Clavicembalista
    Geronimo Fais

  • Contrabbasso
    Peter Ferretti

  • Fagotto
    Kamila Wyslucha

  • Flauto traverso
    Bianca Fiorito

  • Oboe
    Linda Alijaj

  • Oboe
    Timothée Vendeville